caro marito
Print Friendly, PDF & Email

Caro marito quanto vorrei farti provare una settimana da moglie! Dai ammettiamolo e’ un pensiero che ci passa per la testa spesso e volentieri.

E quante volte pensiamo che nostro marito nei nostri panni potrebbe non sopravvivere… perche’ lui pensa di sapere (o forse fa finta di essere scemo) tutto quello che facciamo nell’arco di una giornata, peccato che non coglie alcune piccole sfumature della nostra vita quotidiana, facciamo parte dello stesso nucleo familiare  ma la nostra vita non e’ uguale alla sua.

Se scherzando gli fai la proposta ti risponde.. certo potrei cavarmela benissimo solo con i bambini…no non hai capito… bambini+compiti+cucinare+lavare+stirare+ordine e pulizia ecc…

Non che io voglia fare di tutta l’erba un fascio so per certo che esistono perle di uomini e anime pie che aiutano in casa (senza che gli venga richiesto esplicitamente e senza ricatti ..si intende) e che elogiano per il lavoro svolto nel ruolo di mamma/moglie, (io ci rifletterei su una loro eventuale origine aliena) se siete le mogli di questi ultimi potete fare a meno di leggere questo post.

Io vi portero’ l’esempio medio della vita da mamma/ moglie e lavoratrice part-time ma.. il destino delle casalinghe o delle lavoratrici full-time e’ piu’ o meno lo stesso..sopratutto se ci sono i figli!

Facciamo il punto della situazione:

MATTINA

Il marito si alza, fa con calma colazione, si permette il lusso di chiudersi in bagno per un ora, si lava, si veste, completa di prepararsi per recarsi al lavoro.

Nel frattempo tu (moglie) ti sei alzata almeno un ora prima di lui per poter sistemare quello che hai lasciato in giro il giorno prima e per cucinare qualcosa di commestibile per il pranzo, hai urlato almeno per mezz’ora per far alzare i tuoi figli dal letto, hai preparato la colazione, hai imbottito i panini per la merenda, hai urlato per un altra mezzora per pregare i tuoi figli di sbrigarsi. Hai sparecchiato, passato l’aspirapolvere, spalancato le finestre per far morire gli acari di polmonite, rifatto i letti, messo a lavare la biancheria sporca e steso quella che deve asciugare, controllato le cartelle e urlato per l’ennesima volta visto che gia’ da 5 minuti dovrebbero essere in classe e invece si lanciano i cuscini!

Tutto questo se i tuoi figli sono autonomi nel prepararsi perche’ se come nel mio caso c’e’ anche una bimba piccola che entro un certo orario deve andare all’asilo nido aggiungi alla lista preparato il latte alla piccola, lavata, cambiato il pannolino, vestita, cercato il ciuccio per tutta la casa… Quando sono tutti pronti escono dalla porta con il papa’ tu li baci ti chiudi la porta alle spalle vorresti stramazzarti a terra stanca e distrutta… ma ti fermi ad ascoltare quel silenzio cosi’ raro dentro casa.

Attenzione!!! Se lavori devi pensare in fretta anche a te stessa e uscire in orario da casa per evitare il licenziamento… in tutto questo .. cavolo! Non hai fatto colazione! Esci di casa con i capelli alla meno peggio, hai dimenticato di mettere il phard speriamo che nessuno ti scambi per un cadavere ambulante, c’e’ una cosa positiva… il lavoro rispetto alla tua vita in casa e’ relax.

MEZZOGIORNO

Arriva l’ora di pranzo se ti sei alzata prima (leggi sopra) ti sarai anche preparata un pranzo altrimenti devi

inventarti in pochi minuti cosa mangiare quindi in macchina di ritorno da lavoro spremi le meningi per organizzare un pasto al volo! Nel frattempo arriva il marito con i bambini. Si pranza con non poche storie.. visto che quello che prepari e’ quasi impossibile che possa piacere a tutti a meno che non cucini pizza e patatine fritte (e li pensi..ma potevo starmene in ufficio…).

Il marito..pranza, brontola qualcosa sul pranzo (vorrebbe primo, secondo, frutta, dolce, caffe’ e ammazzacaffe’) si siede sul divano e si dedica allo smartphone e tutto quello che ne concerne (giochi, social, whatsapp, notizie ecc..).

Tu sparecchi, lavi i piatti, pulisci un po la cucina, ritiri la biancheria che avevi steso la mattina e la sistemi, appena hai finito di pulire la cucina i tuoi figli ti dicono “mamma voglio fare la merenda!!!” nooooo e quindi di nuovo sporca piatti, coltelli briciole ovunque .. e tu che volevi sederti 10 minuti sul divano per guardare un po di tv!! Tuo marito nel frattempo e’ andato a lavoro.. fresco come un rosa ..tu vorresti chiuderti nello sgabuzzino almeno per avere un po di silenzio.

POMERIGGIO E SERA

E’ l’ora dei compitiiiii evviva … inizia la lotta… nessuno ha voglia di iniziare i compiti li devi pregare affinche’ possano fare i compiti per essere poi liberi di giocare. Dopo mille discussioni, pianti e nervosismi, litigi, merende pipi’ e pupu’ i compiti sono terminati guardi l’orologio sono le 19!!! Cavolo dovevi fare un sacco di cose.. e la cena??? e adesso che cosa cucini!!! Dovevi uscire a fare la spesa!!  se sapevi scongelavi quelle fettine di carne ..inventi nuovamente qualcosa..cucini e tuo marito torna dal lavoro.. distrutto si butta sul divano e accende la tv se e’ in vena apparecchia la tavola e si cena.. altre storie visto che neanche questo pasto piace a tutti.

Se tuo marito e’ ancora in vena sparecchia (e li pensi… che e’ successo? come mai questa collaborazione?…vuole qualcosa..) tu pulisci la cucina preghi i tuoi figli di andare a dormire perche’ la mattina non vogliono alzarsi, metti la lavatrice per il giorno successivo guardi il porta biancheria che e’ sempre pieno nonostante i lavaggi repentini.. se hai tempo stiri un po di biancheria, ti sistemi e vai a letto distrutta.. Tuo marito ti guarda con quello sguardo che dice “ma perche’ sei sempre cosi stanca?!?” e tu lo guardi con lo sguardo che dice “caro marito come vorrei farti provare una settimana da moglie!”…

 

SE IL POST TI PIACE CONDIVIDILO SUI SOCIAL

4 commenti su “Caro marito quanto vorrei farti provare una settimana da moglie!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *