regalare un libro ad un bambino
Print Friendly, PDF & Email

Regalare un libro ad un bambino e’ un argomentazione per me importante.  Questo e’ un post che dovevo scrivere dopo Natale ma io sono in ritardo su tutto quindi regolare…un post di Natale lo scrivo quasi a Pasqua! (questi sono i miei tempi).

Quest’anno ho deciso di andare controcorrente e di regalare un libro ai miei figli (11 e 8 anni). Devo dire che sono stata combattuta perche’ sapevo che non sarebbe stato un regalo molto gradito.

Alessio e Flavio che gia’ da un po non credono piu’ a Babbo Natale mi avevano chiesto in regalo un videogioco.

IL BIVIO

Dovevo scegliere tra FARLI FELICI e FARE LA COSA GIUSTA.

Molto spesso, anzi quasi giornalmente, mi trovo davanti a questo bivio, di fronte a richieste che a volte si possono esaudire, altre (come e’ giusto che sia) invece no.

Scegliere tra la loro felicita’ e la cosa giusta da fare, chissa’ quante volte mi capitera’ ancora e per quali svariate ragioni, chissa’ quante altre volte ancora….

La chiamo FARE LA COSA GIUSTA perche’ ritengo che i bambini di oggi vadano stimolati. E se non lo facciamo noi genitori chi lo deve fare? E’ nostro compito quello di dargli il buon esempio, dargli gli stimoli per qualcosa di diverso, dargli le armi per essere migliori.

Sembrero’ anche stupida ma.. mi sono presa di coraggio.. ho fatto un profondo respiro e ho deciso di scegliere la strada FARE LA COSA GIUSTA.

Normalmente acquisto on line quindi mi sono collegata al mio sito preferito per gli acquisti di libri AMAZON e ho comprato due bei libri!! Ho scelto in base a quello che io pensavo potesse essere piu’ gradito.

Per Ale che e’ un tipo molto dark a cui sono sempre piaciuti mostri e scheletri ho preso un libro della collana PICCOLI BRIVIDI e a Flavio che invece e’ meno dark e piu’ curioso e detective ho acquistato un libro della collana GERONIMO STILTON.

La scelta di libri in collane e’ stata fatta apposta per creare un curiosita’ nel leggere altri libri dello stesso genere.

PERCHE’ REGALARE UN LIBRO AD UN BAMBINO

Mi piacerebbe che contestualmente ad altre attivita’ prendessero la buona abitudine di leggere. I miei figli non sono di quelli che di loro spontanea volonta’ fanno questo (sicuramente ne esistono… chapeau ai genitori)…io non sono riuscita ad arrivare a tanto, a creare questo interesse,ma spero lo avranno nel futuro.

Eppure secondo me leggere e’ importante

  • Per arricchire il bagaglio culturale
  • Per sviluppare la fantasia
  • E’ un modo per passare del tempo di qualita’
  • Il cervello viene stimolato
  • Si sviluppa la nostra memoria
  • Serve come pausa dalla realta’

E la scelta e’ veramente infinita, basta focalizzare il tema che maggiormente puo’ interessare o la tipologia di libro.

VIDEOGIOCHI A PATTI E CONDIZIONI

L’elettronica ormai fa parte integrante della nostra vita, io ho cercato di rimandare l’acquisto di cellulari e videogiochi per i miei bambini, solo che poi arrivi ad un punto che ti dicono..mamma ce l’hanno tutti posso averlo anche io? Nonostante cio’ ho rimbalzato la loro richiesta per anni. Adesso hanno questa consolle, io non sono molto contenta ma va bene cosi. Per me l’importante e’ dare un freno e delle regole al gioco.

Io non demonizzo i videogiochi come fanno alcune mamme ma ho un idea precisa sul fatto che bisogna giocarci in modo corretto perche’ per i videogiochi, come per la televisione, per il cellulare e qualsiasi altra cosa l’utilizzo scorretto o l’utilizzo costante possono creare un danno.

Per non incappare in spiacevoli conseguenze le regole base a mio parere devono essere queste:

  • Scegliere giochi adatti all’eta’ del bambino
  • Stabilire un tempo massimo da dedicare ai videogiochi
  • Non sostituire la vita sociale con i videogiochi
  • Non creare una dipendenza

LA REAZIONE

Devo dire che quando hanno spacchettato il regalo la loro faccia e’ stata chiaramente perplessa . Non sono bambini che si impongono e io non sono una mamma che li accontenta facilmente, sapevano che la loro richiesta poteva non essere esaudita.

Con il libro ho voluto spiegargli le mie motivazioni piu’ o meno come ho fatto con questo post ma in modo piu’ semplice, si sono convinti e li ho visti anche contenti della scelta che io avevo fatto per loro (come genere di libro e argomento). Ho azzeccato!!!

Flavio ha finito il primo libro e ne ho acquistato un altro e Alessio un po piu’ pigro e lentacchione sta finendo il primo.

Con l’occasione pero’ ho “istituito” un giorno lettura. Un giorno alla settimana andiamo a letto presto ci mettiamo tutti e tre nel lettone e leggiamo.

I bambini sono molto contenti di questa iniziativa io anche perche’ un occasione per passare del tempo insieme.

 

Quindi in definitiva regalare un libro ad un bambino al posto di un videogioco si puo’ e puo’ risultare anche piu’ interessante di quello che ti aspetti!!!

12 commenti su “REGALARE UN LIBRO AD UN BAMBINO E NON UN VIDEOGIOCO”

    • Grazie. Spero che con l’età la loro passione possa crescere.. purtroppo abbiamo tv, youtube e videogiochi che distraggono da quello che veramente è cibo per il cervello!

  • Articolo interessante e che va un po’ controcorrente. Pienamente d’accordo. Cerco sempre di regalare libri ed anche per i più piccini ce ne sono di veramente interessanti. Un bambino che cresce in una casa piena di libri e vedrà i genitori sfogliarli sarà invogliato a leggere. Si tratta sempre del buon esempio che fa la differenza.

  • Ammiro la tua scelta, ma soprattutto la loro reazione tutto sommato ragionevole! I miei sono ancora molto piccoli ma stiamo cercando fin da ora di appassionarli anche solo al gesto di sfogliare pagine e commentare figure

  • E’ stata una scelta coraggiosa la tua che comunque è stata ripagata. I libri li amo e cerco di trasmettere quest’amore anche ai miei figli che ogni sera, anche se sono piccoli, vogliono che li legga un libro.

    • Questa e’ una cosa bellissima..leggere un libro per dormire..secondo me il primo passo importante per trasmettere amore per la lettura!

  • I libri sono il gioco preferito di mio figlio! Credo che almeno fino ad una certa età sia essenziale dar loro degli stimoli attivi, come libri e giochi non elettronici. Bel post!

    • Ti ringrazio! Io avrei anche scelto di non dargli giochi elettronici ma sai qual’e’ il problema? E’ la societa’ e ti assicuro che andare controcorrente con i figli e’ molto molto difficoltoso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando questo modulo acconsento alla memorizzazione e al trattamento dei miei dati personali da parte del sito web secondo quanto previsto dall'Informativa sulla Privacy.

Letta l'Informativa Privacy fornita dal Titolare, acconsento ad essere aggiornato su tutte le iniziative promozionali e di marketing.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.